La sostanza diserbante più diffusa, il glifosato, altera i batteri intestinali

Prima che i ricercatori scoprissero la complessità del microbioma intestinale, si credeva comunemente che l’unica funzione dell’intestino fosse quella di trasportare ed elaborare il cibo. Tuttavia, la separazione dei nutrienti dai residui è solo la funzione più ovvia di questo sistema e ora sappiamo che l’intestino ospita una complessa famiglia di microrganismi. Questa è stata chiamata microbioma intestinale e ospita fino a 500 tipi diversi di batteri, anche se i microbiomi meno diversificati possono avere anche solo 300 tipi di microrganismi. Il glifosato, ingrediente principale di un noto diserbante, è stato recentemente messo sotto osservazione per i suoi possibili effetti sul microbioma intestinale umano. Una nuova ricerca ha scoperto che il glifosato altera i batteri intestinali, facendo pensare che alcuni erbicidi non siano così sicuri per la salute umana come si pensava in precedenza.

Perché la salute del microbioma intestinale è così importante?

Popular Weed-Killer Ingredient Glyphosate Disrupts Gut Bacteria 2

Quando si parla di batteri, la maggior parte delle persone associa il termine a virus e altre sostanze che danneggiano il corpo umano. Sebbene nel microbioma intestinale siano presenti batteri dannosi, esistono anche molti ceppi di batteri benefici per la salute umana. La ricerca degli ultimi anni ha scoperto che i batteri del microbioma intestinale aiutano il cervello a regolare le emozioni, potenziano il funzionamento del sistema immunitario, proteggono dall’obesità e dal diabete di tipo 2 e aiutano l’organismo a combattere le cellule cancerogene. Questi sono solo alcuni dei vantaggi offerti dal mantenimento di un microbioma intestinale sano e diversificato.

Nuovi studi dimostrano che il glifosato altera i batteri intestinali

Sebbene la persona comune non abbia mai sentito parlare del glifosato, esso viene utilizzato nella maggior parte delle aziende e nelle case. Questo perché è l’ingrediente principale dell’erbicida Roundup®, prodotto da Monsanto. Sebbene la maggior parte delle persone ritenga che questo prodotto sia sicuro da usare sulle piante alimentari, una nuova ricerca potrebbe aver scoperto che ha un effetto devastante sul microbioma intestinale quando gli alimenti irrorati con il diserbante vengono ingeriti. I risultati indicano che esiste un legame tra l’uso del glifosato e l’aumento delle malattie croniche.

In uno studio recente è emerso che il consumo continuo di alimenti trattati con prodotti a base di glifosato aumenta il rischio di sviluppare obesità, Alzheimer e Parkinson e altre gravi patologie. I ricercatori hanno inoltre rilevato che si tratta di un effetto cumulativo che peggiora nel tempo, a causa del modo in cui il glifosato interagisce con i nostri batteri intestinali. Le piante hanno una via chiamata shikimate, che le aiuta a sintetizzare gli aminoacidi. Il glifosato attacca questa via e impedisce alla pianta di sintetizzare gli aminoacidi. Poiché le persone non hanno questa via biochimica, si presumeva che i prodotti contenenti glifosato fossero sicuri per il consumo umano. Tuttavia, i batteri del nostro microbioma intestinale possiedono questa via e, quando mangiamo alimenti esposti al glifosato, il composto attacca e distrugge i batteri utili del nostro intestino.

Altre ricerche indicano che il problema potrebbe essere particolarmente diffuso, indicando un aumento del 1.000% del glifosato nel sangue degli esseri umani negli ultimi due anni. Mentre lo studio citato in precedenza evidenzia il fatto che il glifosato altera i batteri intestinali, altre ricerche hanno rilevato che altri ingredienti degli erbicidi interagiscono con il glifosato e comportano rischi ancora maggiori per la salute. Studi condotti su ratti di laboratorio hanno trovato una correlazione tra l’esposizione agli erbicidi e i problemi di salute riproduttiva. I ricercatori hanno riscontrato che i ratti esposti sviluppavano genitali anormali e mostravano livelli più bassi di ormoni sessuali.

Sebbene il produttore affermi che il suo prodotto è sicuro, si teme anche che il glifosato contenuto nei prodotti possa essere cancerogeno. Mentre l’azienda produttrice dell’erbicida sostiene che le prove sono state alterate dai gruppi di interesse che hanno condotto la ricerca, Philip J. Landrigan, professore alla Icahn School of Medicine di New York, sostiene che le prove meritano ulteriori ricerche. Studi futuri potrebbero risolvere la questione delle proprietà cancerogene del glifosato, ma nel frattempo sembrano esserci prove più che sufficienti che il composto influisce negativamente sul microbioma intestinale.

Come mantenere un microbioma intestinale più sano?

Assumere un integratore prebiotico/probiotico

Un integratore di alta qualità può aiutare a mantenere un microbioma intestinale normale in due modi. In primo luogo, i probiotici contenuti nell’integratore favoriscono la crescita dei batteri utili. In secondo luogo, i prebiotici sono ottime fonti di batteri vivi, essenziali per la normale flora intestinale.

Mangiare lentamente

Quando si mangia di fretta, gli alimenti consumati non vengono digeriti correttamente. Prendendo il tempo necessario per masticare bene il cibo, darete al vostro sistema digestivo la possibilità di tenere il passo con l’afflusso di cibo. In questo modo l’organismo estrarrà in modo più efficiente i nutrienti e i batteri benefici contenuti negli alimenti.

Bevete più acqua

Popular Weed-Killer Ingredient Glyphosate Disrupts Gut Bacteria 1

L’idratazione ha molti vantaggi, tra cui quello di proteggere il microbioma intestinale. L’acqua aiuta a rafforzare il rivestimento dell’intestino, dove risiede il microbioma intestinale. L’acqua aiuta anche a proteggere i batteri dell’intestino, fornendo le sostanze nutritive di cui i batteri hanno bisogno per vivere.

Prestare attenzione all’intestino

Può essere utile tenere un diario dei pasti e annotare le reazioni digestive più forti che si verificano. Questo vi aiuterà a individuare gli alimenti che interagiscono negativamente con il vostro sistema gastrointestinale. Una volta individuati gli alimenti che causano reazioni negative, è possibile eliminarli dalla propria alimentazione.

Scegliere una dieta più sana

Il microbioma intestinale si basa principalmente sui cibi che mangiamo per ottenere batteri benefici. Se la vostra dieta consiste principalmente in alimenti elaborati ad alto contenuto di zuccheri e grassi, state privando il vostro intestino di questi batteri benefici e assumete una maggiore quantità di microrganismi dannosi. Passando a una dieta mediterranea o ad altre diete ricche di alimenti di origine vegetale e carni magre, è possibile correggere questo squilibrio e costruire un microbioma intestinale più forte.

Leave a Comment