Der unbestreitbare Zusammenhang zwischen Ernährung und Demenzrisiko

L’innegabile legame tra dieta e rischio di demenza

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la demenza colpisce oltre 55 milioni di persone su scala globale. Circa il 60-70% di questi casi di demenza diagnosticati sono sotto forma di malattia di Alzheimer. Man mano che gli scienziati si sforzano di saperne di più sulle funzioni cognitive e sull’invecchiamento, è diventato chiaro che esiste un legame tra dieta e demenza. Ecco cosa c’è da sapere su questa diagnosi comune nella popolazione anziana e cosa si può fare per favorire una funzione cognitiva ottimale durante l’invecchiamento.

Comprendere la demenza

The Undeniable Link Between Diet and Dementia Risk 1

La malattia di Alzheimer è una patologia che rientra nell’ambito generale delle demenze. Si stima che il morbo di Alzheimer colpisca quasi 6 milioni di americani, il che lo rende la condizione neurodegenerativa più comune che causa la demenza senile.

I sintomi principali associati alla demenza sono perdita delle funzioni cognitive, problemi di coordinazione, cambiamenti di personalità e problemi di memoria. Il fattore di rischio più importante per lo sviluppo della demenza è semplicemente l’invecchiamento. Oltre il 90% delle persone a cui viene diagnosticata la demenza ha un’età pari o superiore ai 65 anni.

Esplorare il legame tra dieta e demenza

Poiché non esiste una cura per l’Alzheimer, i ricercatori medici hanno dato la priorità a saperne di più sulle potenziali cause di questa malattia debilitante e sulle misure che le persone possono adottare nel corso della vita per mantenere le funzioni cognitive al massimo. Alcune ricerche hanno dimostrato che l’alimentazione può avere un impatto sulla salute cognitiva con l’avanzare dell’età.

In particolare, è stato dimostrato che la dieta mediterranea è efficace nel rallentare la progressione dei problemi cognitivi lievi, in modo che non si trasformino rapidamente in demenza. Uno studio ha dimostrato che chi segue la dieta mediterranea ha un declino cognitivo più lento rispetto a chi non segue questo stile di vita. Un altro studio ha messo in relazione la dieta mediterranea con una maggiore capacità di recupero e funzionalità cognitiva.

La dieta mediterranea si concentra sul consumo di frutta e verdura in abbondanza, pesce, olio d’oliva, noci e semi. Consente inoltre un consumo limitato di carne rossa, latticini e uova, oltre a una quantità moderata di vino rosso.

I migliori alimenti per la salute del cervello

Sebbene la dieta mediterranea sia stata associata a un dimostrato miglioramento delle funzioni cognitive, non è necessario limitarsi a questo specifico piano alimentare. I nutrizionisti raccomandano di consumare una buona quantità di acidi grassi Omega-3 se l’obiettivo è quello di migliorare la salute del cervello. Questo nutriente naturale per il cervello può essere un potente stimolatore della memoria.

Altri buoni alimenti da includere nella dieta per ottimizzare le funzioni cognitive sono le verdure a foglia verde, i frutti di bosco, i cereali integrali, il pollame e i fagioli.

Gli esperti raccomandano anche di limitare il consumo di alimenti trasformati. È stato dimostrato che carni lavorate come salame, pancetta e salumi aumentano il rischio di demenza del 44% se consumate regolarmente.

Altri modi per sostenere una sana funzione cerebrale

Sebbene non sia possibile controllare i fattori di rischio della demenza, come la genetica e l’età, è possibile fare una serie di scelte di vita per ridurre la minaccia di questa malattia con l’avanzare dell’età. Oltre a seguire una dieta sana, ci sono altri accorgimenti che si possono adottare per favorire una funzione cerebrale ottimale.

Esercizio fisico regolare

The Undeniable Link Between Diet and Dementia Risk 2È provato che l’esercizio fisico aumenta l’afflusso di sangue al cervello, aiutando a essere più vigili e a migliorare le funzioni cerebrali. L’esercizio fisico rilascia anche gli ormoni del benessere, noti come endorfine, che migliorano l’umore.

Gestire i livelli di stress

Essere stressati ed emotivamente turbati è una delle cause principali del declino della salute cerebrale di un individuo. Per questo è importante essere proattivi nel ridurre i livelli di stress nella propria vita. Indipendentemente dal fatto che si tratti di meditazione, esercizio fisico o terapia, è importante essere intenzionati a proteggere la propria salute mentale ed emotiva.

Diventa sociale

Se vi serve una scusa per uscire con gli amici, è questa. Le ricerche hanno dimostrato che una vita sociale attiva fa bene al cervello. Fate in modo di fare cose che vi rendono felici con le persone che vi danno gioia.

Completare la dieta

Date al vostro cervello l’assicurazione supplementare di cui ha bisogno assumendo un integratore giornaliero mirato alla salute cognitiva. Un integratore come Neurochron® è studiato per aiutarvi a mantenere la forma mentale e la concentrazione durante tutta la giornata. Questo integratore contiene una combinazione comprovata di vitamine, minerali ed estratti vegetali specifici.

Fate lavorare il cervello

Il corpo non è l’unica cosa che deve essere allenata. Anche il cervello deve essere allenato per mantenere il suo funzionamento a livelli ideali. Tra le buone scelte vi sono i cruciverba, lo scarabeo e il sudoku. Costringere il cervello a risolvere i rompicapo può aiutare a migliorare la concentrazione e la memoria, mantenendo l’ingegno allenato.

Ridurre il rischio di sviluppare la demenza senile è solo un motivo in più per concentrarsi su una dieta sana e sull’assunzione di integratori quotidiani. Non avete nulla da perdere e tutto da guadagnare se fate di questo una priorità nella vostra vita.

Carrello