Lauter Arbeitsplatz und die Folgen für das Herz

I luoghi di lavoro con rumori forti sono collegati alle malattie cardiache, avverte il CDC

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte per uomini e donne in tutto il mondo. Più di 600 mila americani moriranno ogni anno per malattie cardiache. Secondo una nuova ricerca pubblicata sull’American Journal of Industrial Medicine, le persone esposte a forti rumori sul lavoro, circa un quarto dei lavoratori statunitensi, sono maggiormente a rischio di sviluppare malattie cardiache. Lo studio, condotto dai ricercatori dell’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) del CDC, si aggiunge alle crescenti preoccupazioni che l’impatto sulla salute dell’inquinamento acustico vada oltre la semplice perdita dell’udito.

Secondo il direttore del NIOSH, il dottor John Howard, M.D., “la riduzione dei livelli di rumore sul luogo di lavoro è fondamentale non solo per la prevenzione della perdita dell’udito, ma può anche avere un impatto sulla pressione sanguigna e sul colesterolo. I programmi di salute e benessere sul posto di lavoro, che includono screening per l’ipertensione e il colesterolo, dovrebbero essere rivolti anche ai lavoratori esposti al rumore”.

Un luogo di lavoro rumoroso influisce sulla salute del cuore

Uno dei rischi più comuni sul posto di lavoro, circa 22 milioni di lavoratori americani sono colpiti ogni anno dall’inquinamento acustico. I ricercatori del NIOSH hanno analizzato i dati del 2014 del National Health Interview Survey per stimare la prevalenza del rumore professionale, della perdita dell’udito e delle patologie cardiache nei lavoratori americani. I ricercatori hanno scoperto che l’ipertensione arteriosa e gli alti livelli di colesterolo, due fattori di rischio fondamentali per le malattie cardiache, sono risultati più comuni nei lavoratori che sono costantemente esposti a forti rumori sul posto di lavoro, come i lavoratori delle industrie edili, minerarie e manifatturiere.

Secondo la coautrice dello studio, Liz Masterson, Ph.D., “Una percentuale significativa dei lavoratori che abbiamo studiato ha difficoltà di udito, pressione alta e colesterolo alto che potrebbero essere attribuiti al rumore sul posto di lavoro”. “Questo studio fornisce ulteriori prove dell’associazione tra l’esposizione al rumore sul posto di lavoro e l’alta pressione sanguigna e il colesterolo alto, e del potenziale di prevenzione di queste condizioni se il rumore viene ridotto”.

Il collegamento tra l’inquinamento acustico e i problemi di salute

Loud Workplaces Linked to Heart Disease, CDC Warns

La ricerca del team fa riferimento ad altri risultati che hanno collegato i livelli di rumore alla salute del cuore. Per esempio, l’inquinamento acustico ad alti decibel prodotto dal traffico stradale e dagli aerei è stato precedentemente collegato a malattie coronariche, ipertensione e ictus. Un altro studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology ha collegato l’inquinamento acustico alla salute cardiovascolare.

Sebbene il meccanismo di collegamento non sia del tutto noto, gli studi hanno proposto che gli effetti dannosi sul cuore siano dovuti al modo in cui i rumori forti innescano reazioni di stress cronico all’interno del nostro corpo. Alti livelli di rumore attivano il sistema nervoso autonomo e aumentano i livelli dell’ormone dello stress, il cortisolo. Si ritiene che l’aumento della circolazione del cortisolo causi stress ossidativo e infiammazione vascolare che portano a pressione alta, alterazione della frequenza cardiaca e cambiamenti nella glicemia.

Tre consigli per un cuore sano

Il modo più semplice per trattare e prevenire le malattie cardiache è ridurre i fattori di rischio più evidenti, la pressione arteriosa e i livelli di colesterolo. Forse non è possibile modificare le condizioni del luogo di lavoro, ma mangiando gli alimenti e i nutrienti giusti, facendo sufficiente esercizio fisico e tenendo sotto controllo lo stress, è possibile mantenere il cuore in ottima forma. Ecco alcuni altri cambiamenti nello stile di vita che potete apportare per garantire un cuore sano.

Dormire è una priorità assoluta

Il sonno è essenziale per la salute del cuore. Un sonno adeguato è fondamentale per la capacità del corpo di ripararsi e rigenerarsi. Le ricerche suggeriscono che le persone che dormono meno di sei ore a notte hanno il doppio delle probabilità di subire un ictus o un infarto rispetto a coloro che dormono regolarmente dalle sei alle otto ore.

Consumare abbastanza grassi buoni

Gli acidi grassi Omega-3, presenti in abbondanza in alimenti come il salmone, l’olio di fegato di merluzzo e le noci, sono estremamente benefici per la salute del cuore. È stato dimostrato che abbassano i livelli di trigliceridi (i grassi cattivi), riducono l’infiammazione, abbassano la pressione sanguigna e migliorano la salute dei vasi sanguigni.

Assicurarsi di assumere i giusti micronutrienti

Alcuni studi hanno indicato che alcune sostanze potrebbe riparare i danni alle cellule e prevenire il rischio di ictus e malattie cardiache:

  • La vitamina E impedisce la degradazione ossidativa degli acidi grassi polinsaturi nelle membrane cellulari. Gli antiossidanti come la vitamina E riparano e prevengono i danni cellulari causati dallo stress.
  • La vitamina C è un potente antiossidante che migliora la pressione sanguigna e la funzione endoteliale. La vitamina C può persino aumentare la costrizione dei vasi sanguigni, proprio come una passeggiata quotidiana.
  • Il folato, la vitamina B6 e la vitamina B12 sono noti per ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus.
  • In alcuni studi è stato dimostrato che il magnesio e il potassio riducono la pressione sanguigna, migliorano la funzionalità cardiaca generale e riducono il rischio di malattie cardiache.
  • Il coenzima Q10, talvolta indicato come ubichinone, è essenziale per l’alimentazione del cuore. Il coenzima Q10 riduce lo stress ossidativo delle cellule, aumenta l’attività enzimatica degli antiossidanti e ha dimostrato di alleviare i sintomi delle malattie cardiovascolari.

Leave a Comment