Long COVID: la riabilitazione mirata è fondamentale

Alcune persone soffrono di alcune conseguenze a lungo termine dopo una malattia da corona, che rientrano nel termine long COVID. I sintomi più comuni includono spossatezza, difficoltà respiratorie, affaticamento, mancanza di respiro, difficoltà di memoria e di concentrazione, nonché un generale declino della qualità della vita. Dopo 12 settimane di sintomi, si parla della cosiddetta sindrome post-COVID. Alcuni pazienti, in particolare quelli che si trovavano in terapia intensiva, hanno manifestato sintomi associati a casi di PTSD (disturbo post-traumatico da stress).

Il long COVID può influire pesantemente sulla qualità della vita

Questi risultati dimostrano che il percorso di recupero può durare diversi mesi e che è importante che sia disponibile una riabilitazione specializzata per supportare i pazienti. Un team di ricerca – che ha coinvolto specialisti multidisciplinari dell’Università di Leeds, del Leeds Teaching Hospitals NHS Trust, del Leeds Community Healthcare NHS Trust e della Leeds Beckett University – ha seguito 100 persone che si sono riprese dalla COVID-19 da quattro a otto settimane dopo essere state dimesse.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi: quelli che si erano ammalati gravemente e avevano richiesto una terapia intensiva e quelli che erano stati curati in un reparto senza necessità di terapia intensiva. I pazienti sono stati contattati da un membro del team di riabilitazione dell’ospedale e sono stati sottoposti a una serie di domande sulla loro guarigione e su eventuali sintomi residui. Più del 60% delle persone trattate in reparto ha riferito di essere affaticato, e un terzo di loro l’ha definita moderata o grave. Il 72% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva ha riferito di essere affaticato. Il secondo sintomo più comune era la mancanza di respiro. I pazienti di entrambi i gruppi hanno dichiarato di provare una sensazione di mancanza di respiro che non esisteva prima di contrarre la COVID-19. Questo è risultato più elevato nel gruppo dei pazienti che hanno contratto la COVID-19. Questa sensazione era maggiore nel gruppo dei più malati, il gruppo di terapia intensiva, rispetto a coloro che erano stati trattati in un reparto. Il terzo sintomo più comune è stato quello neuropsicologico. L’indagine di ricerca ha rilevato che quasi un quarto dei pazienti in reparto e poco meno della metà di quelli in terapia intensiva presentavano alcuni dei sintomi del PTSD.

Programma speciale di riabilitazione per i pazienti affetti da long COVID

Un programma di riabilitazione che aiuta le persone affette da long COVID a ridurre i sintomi e ad aumentare i livelli di attività ha mostrato risultati impressionanti. Si basa su un aumento graduale dell’attività fisica del paziente. Prima di iniziare il programma, i partecipanti riferivano una media di tre crolli a settimana, in cui erano fisicamente, emotivamente o cognitivamente esausti dopo un lieve sforzo fisico o mentale. Sei settimane dopo, al termine del programma, questo fenomeno si è ridotto a una media di una volta alla settimana. I pazienti hanno anche registrato un modesto miglioramento della loro capacità di essere attivi e una migliore qualità di vita.

Il programma di stimolazione è stato condotto dal servizio COVID del Leeds Community Healthcare NHS Trust e valutato da medici e ricercatori dell’Università di Leeds e della Leeds Beckett University. Secondo i ricercatori, il programma, che prevede un aumento supervisionato dell’attività fisica, ha il potenziale per essere un’opzione terapeutica efficace.

Il ritorno all’attività fisica deve essere graduale

Lo studio di sei settimane condotto a Leeds ha arruolato 31 persone con long COVID. In media, avevano la COVID da circa 17 mesi prima di partecipare al programma. Oltre alla stanchezza, soffrivano di una serie di sintomi, tra cui nebbia cerebrale, mancanza di respiro, mal di testa e palpitazioni. I pazienti hanno seguito un programma di ritorno all’attività fisica graduale, chiamato protocollo di stimolazione CR-10 Borg dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che prevede cinque livelli di attività. Hanno praticato il programma a casa. La prima fase è progettata per preparare il ritorno all’attività e comprende esercizi di respirazione e stretching dolce. La quinta fase comprende attività che i pazienti svolgevano prima della malattia, come l’esercizio fisico regolare.

Durante il programma, i pazienti hanno ricevuto telefonate settimanali dal medico curante per verificare i loro progressi. Sono stati istruiti a rimanere ad ogni livello per almeno sette giorni e a non sforzarsi troppo per mantenere stabili le loro condizioni. I pazienti hanno compilato ogni settimana un questionario per valutare i loro livelli di esercizio prima di decidere se passare alla fase successiva del protocollo di stimolazione.

Nel corso delle sei settimane, si è registrata non solo una riduzione dei collassi, ma anche un miglioramento dei livelli di attività e della qualità della vita. Per quanto riguarda l’alleviamento dei sintomi del long COVID, i maggiori benefici sono stati riscontrati nella riduzione dell’affaticamento, della mancanza di respiro e del mal di testa.

Tuttavia, i ricercatori osservano che i medici che assistono i pazienti affetti da COVID lunga non sono ancora consapevoli del fatto che un ritorno graduale all’attività fisica potrebbe favorire il recupero. Questo studio contribuisce alle attuali conoscenze evidenziando il potenziale di un protocollo di stimolazione strutturato per migliorare gradualmente i livelli di attività.

Allenamento di resistenza e forza per superare il long COVID

Uno studio randomizzato su 80 adulti in trattamento ambulatoriale con long COVID ha voluto scoprire come le attività di esercizio, l’allenamento dei muscoli respiratori e le raccomandazioni dell’OMS per l’autogestione influiscano sui sintomi e sulla forma fisica dei pazienti. I soggetti sono stati suddivisi in quattro gruppi di intervento (gruppo sportivo, gruppo respiratorio, gruppo combinato e controllo). All’inizio dell’indagine, non c’erano differenze reali tra i gruppi. Dopo otto settimane, tuttavia, i partecipanti ai gruppi di esercizio fisico e di combinazione hanno registrato un miglioramento significativo della forza muscolare, a differenza dei gruppi di controllo e di respirazione. Inoltre, hanno accusato meno mancanza di respiro e affaticamento e la salute generale è migliorata. Anche la depressione è migliorata nei primi due gruppi. I risultati dello studio chiariscono che l’allenamento combinato di resistenza e forza è più efficace per superare il long COVID e consentire un migliore benessere e il ritorno a una buona forma fisica rispetto al solo allenamento dei muscoli respiratori e alle raccomandazioni di autogestione.

Kommentar verfassen