L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare l’osteoporosi

Le persone affette da osteoporosi subiscono una perdita di densità ossea, poiché l’organismo assorbe più tessuto osseo senza sostituirlo. Questa perdita di massa ossea è un processo continuo che lascia le ossa porose e particolarmente deboli, per cui diventa estremamente facile rompere alcune ossa del corpo. Le ossa più comunemente a rischio di rottura sono le ossa dell’anca, le articolazioni del polso e della caviglia e le vertebre spinali. Secondo nuovi studi, l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di osteoporosi e potrebbe essere in parte responsabile del crescente numero di donne che combattono contro questa patologia.

Sintomi e fattori di rischio dell’osteoporosi

Can Pollution Increase Your Risk of Developing Osteoporosis? 1

Può essere difficile per una persona affetta da osteoporosi riconoscere di esserne affetta, perché gli unici sintomi evidenti riguardano la rottura delle ossa. In casi estremi, qualcosa di semplice come uno starnuto può causare una frattura ossea al polso o in altri punti. Le fratture ai polsi e alle anche possono essere osservate più facilmente, mentre quelle alle vertebre spinali possono passare inosservate. Una vertebra spinale colpita può comportare un cambiamento di postura o abiti che non calzano più correttamente, quindi è importante prestare attenzione a questi cambiamenti. Chiunque avverta l’insorgere di dolori o disturbi inspiegabili dovrebbe rivolgersi al più presto a un medico, soprattutto se ha un rischio maggiore di sviluppare l’osteoporosi.

L’organismo demolisce le ossa e sostituisce il tessuto osseo in un processo continuo, che raggiunge il suo apice intorno ai 20 anni. Una volta raggiunti i 30 e i 40 anni, la densità ossea diminuisce gradualmente e, in alcuni casi, la perdita di tessuto osseo diventa più significativa. Questo processo spesso colpisce le donne in post-menopausa più gravemente di qualsiasi altro gruppo, sebbene anche gli uomini anziani siano a rischio. Le donne corrono il rischio maggiore perché gli estrogeni le proteggono dalla perdita di massa ossea e la menopausa inibisce la produzione di questo ormone.

Inoltre, l’osteoporosi colpisce più frequentemente le persone bianche e asiatiche. La ricerca ha rilevato che le persone più alte (oltre il metro e settanta) corrono un rischio maggiore. Anche le persone adulte particolarmente magre o che pesano meno di 125 chili corrono un rischio maggiore. Infine, le persone che provengono da una famiglia con una storia di malattia o con una storia di fratture ossee hanno maggiori probabilità di sviluppare la condizione. Anche alcune scelte alimentari sono state collegate a un rischio maggiore di osteoporosi.

Una nuova ricerca suggerisce che l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di osteoporosi

Una recente ricerca condotta presso il Barcelona Institute for Global Health potrebbe aver scoperto un nuovo fattore di rischio per lo sviluppo dell’osteoporosi, esaminando gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulle ossa. I soggetti coinvolti nello studio sono stati 3.717, di cui 1.711 donne, e i volontari sono stati reclutati in 28 villaggi dell’India. I ricercatori hanno determinato la qualità dell’aria in ogni villaggio misurando la presenza di carbonio e di particolato fine, risultato dei gas di scarico delle auto e di altre fonti di inquinamento atmosferico. Lo studio ha tenuto conto anche del tipo di combustibile utilizzato dai partecipanti per cucinare i pasti.

Per determinare se l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di osteoporosi, i ricercatori hanno anche esaminato la densità ossea di ciascun partecipante, testando la colonna vertebrale lombare e le ossa dell’anca sinistra. Lo studio ha rivelato una correlazione tra una maggiore esposizione alle polveri sottili e una minore densità ossea. L’autore dello studio, il dottor Otavio Ranzani, ritiene che la diminuzione della massa ossea sia dovuta allo stress ossidativo causato dall’inquinamento dopo l’inalazione. Egli suggerisce inoltre che l’aria inquinata abbia aumentato l’infiammazione, contribuendo alla perdita ossea avanzata. I ricercatori hanno aggiunto che la perdita di massa ossea è dovuta all’inquinamento atmosferico a diversi livelli economici e in ogni luogo geografico.

I rischi legati ai farmaci per l’osteoporosi

Sebbene esistano farmaci che i medici possono prescrivere per proteggere la salute delle ossa, essi producono anche alcuni effetti collaterali negativi che in alcuni casi possono compromettere lo scopo dell’assunzione. Ad esempio, i bifosfonati rallentano l’assorbimento del tessuto osseo vecchio e aiutano a costruire la densità e la forza delle ossa. Tuttavia, alcuni studi hanno rilevato che la rottura del femore è frequente tra coloro che assumono questi farmaci.

Anche i farmaci a base di ormoni paratiroidei sono trattamenti controversi per l’osteoporosi. Le dosi vengono iniettate ogni giorno per un massimo di due anni e aiutano a costruire nuovo tessuto osseo nel corpo. Tuttavia, nei test condotti sui topi è emerso che la somministrazione di questi farmaci per più di due anni ha portato allo sviluppo di tumori ossei. I ricercatori non sanno ancora quali effetti avrebbe l’uso a lungo termine sui soggetti umani.

Gli anticorpi monoclonali umani prevengono un’ulteriore perdita ossea e rallentano l’avanzamento dell’osteoporosi. Purtroppo, la riduzione del flusso sanguigno alle ossa mascellari provoca l’osteonecrosi, una condizione in cui l’osso si rompe. Questo trattamento provoca anche fratture atipiche del femore.

La terapia estrogenica sostitutiva è un trattamento standard per l’osteoporosi da diversi anni. Oltre a contribuire alla protezione e al ripristino delle ossa, aiuta a ridurre i sintomi della menopausa. L’uso a lungo termine del trattamento è stato purtroppo collegato ad alcuni effetti collaterali negativi, come un aumento del rischio di cancro al seno e di eventi cardiovascolari.

La calcitonina è un farmaco più datato che viene usato raramente. Questo perché gli altri trattamenti qui elencati si sono dimostrati più efficaci. Inoltre, la calcitonina aumenta il rischio di alcuni tipologie di cancro.

Come proteggersi dall’osteoporosi in modo naturale?

È vero che l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di osteoporosi, ma cosa si può fare per proteggersi in modo naturale, oltre a ridurre al minimo l’esposizione agli inquinanti atmosferici? Fortunatamente, è stata dimostrata l’efficacia di diversi modi per proteggere la salute delle ossa.

Trifoglio rosso

Si ritiene che questa pianta naturale abbia un effetto simile a quello degli estrogeni sull’organismo. Di conseguenza, se assunta regolarmente, può contribuire a promuovere la salute e la forza delle ossa.

Can Pollution Increase Your Risk of Developing Osteoporosis? 2La soia

I prodotti a base di soia, come il tofu e il latte di soia, contengono isoflavoni, composti che simulano gli effetti degli estrogeni. Il consumo di alimenti derivati dalla soia può aiutare a rafforzare e rigenerare il tessuto osseo.

Integratori alimentari

È possibile trovare ingredienti naturali che aiutano a proteggere la salute delle ossa anche in alcuni integratori alimentari di alta qualità. L’assunzione di un integratore efficace che fornisca i nutrienti necessari all’organismo per proteggere e rafforzare le ossa può essere di grande beneficio per la salute complessiva delle ossa.

Agopuntura

Questa forma di terapia fisica deriva da un’antica pratica cinese che prevede l’uso di aghi per dirigere il flusso di energia. Alcuni ritengono che aiuti a far crescere i muscoli e a ridurre l’infiammazione, il che può contribuire a proteggere dalla perdita di massa ossea.

Leave a Comment